Estate … tempo di insalate e cibi freschi!

E’ tempo di insalate!
Fa caldo e la voglia di mangiare cibi cotti, almeno per me, è sempre meno…
Oggi quindi vi propongo una insalata veloce da fare e che potrete anche portarvi come “schiscetta” a lavoro!!

Ecco a voi:)

Processed with Moldiv

INSALATA DI FARRO
(per due persone)

Cosa vi serve:
150 gr di farro (io uso quello in latta, già cotto!)
circa 15 pomodorini
1 cipollotto
circa 200 gr di tonno in scatola sott’olio
5-6 foglie di basilico
sale e olio

Cosa dovete fare:
Mettete in una ciotola il farro e il tonno precedentemente ben sgocciolato e mescolate.
Lavate e tagliate i pomodorini. Tagliate a rondelle sottili il cipollotto e unitelo al farro.
Prelevate 2-3 pomodorini e tritateli finemente con il coltello assieme alle foglie di basilico (dovrete quasi ridurlo in poltiglia).
Aggiungete tutto al farro e mescolate bene.
Condite con sale e olio.
Già pronto!

Annunci

Oggi parliamo di … “Cipolla, Cipollotto, Porro e Scalogno”

Buongiorno mondo!

Secondo appuntamento con la rubrica del mercoledì! Oggi, sul filone della ricetta di ieri, parliamo di Cipolla e affini!

Si, perché esistono diversi tipi di ortaggi che apparentemente sono simili, come la cipolla, il cipollotto, lo scalogno e il porro. Ma ciò che vogliamo capire è qual è il loro miglior utilizzo in cucina?

20131002-135506.jpg

Partiamo dalla cipolla!
Esistono diverse tipologie di cipolle:
– Quelle bianche, dorate e rosate sono perfette per essere cotte. In modo particolare vengono utilizzate per fare i soffritti per ragù e brasati, ad esempio, oppure per i brodi, le minestre e le passate di verdura. Se volete un soffritto più leggero e digeribile vi consiglio di aggiungere al soffritto un po’ di acqua e lasciarla appassire dolcemente.

– Quelle rosse sono molto buone crude: vengono spesso utilizzate per condire le insalate. Per renderla più croccante e dolce potete affettarla e immergerla in acqua molto fredda per qualche minuto! Inoltre, la cipolla rossa è ottima per la preparazione di marmellate per accompagnare carni e formaggi.

Come va pulita: Eliminare la parte esterna e il primo strato, compresa la pellicina. Affettare con un coltello a seconda dell’utilizzo.

Conservazione: Le cipolle possono essere conservate in cantina o in una dispensa, all’interno di una scatola di cartone o in un sacchetto di carta, ponendo dei fogli di carta assorbente, tra i vari strati, per evitare che l’umidità le rovini. Se la temperatura supera i 12 gradi inizieranno a germogliare e vi toccherà buttarle! In ogni caso, vi sconsiglio di tenerle in frigorifero, perché hanno bisogno di un luogo asciutto e areato.

Consiglio: quando affettate la cipolla, per evitare di piangere come delle fontane, bagnate continuamente la lama del coltello sotto l’acqua fredda;)

Cipollotto
I cipollotti altro non sono che i bulbi delle cipolle che non si sono ancora formati completamente. Anch’esso, come la cipolla, si distingue in bianco e rosso.
Il cipollotto bianco ha un sapore più intenso, mentre quello rosso è più dolce. Infatti, quando viene cotto riesce ad aggiungere una componente dolciastra al piatto. E’ davvero delicato e dà un tocco in più!
In genere, quindi, il cipollotto va bene per i soffritti. Mentre a crudo, sta molto bene con le minestre, ad esempio, aggiunto alla fine, direttamente nel piatto con la pasta e fagioli.

Come va pulito: con le mani staccate la “barbetta”, tagliate la parte verde più dura e affettate la parte bianca.

Conservazione: il cipollotto è molto delicato. In frigo si conserva per circa 4 giorni. Se volete conservarlo più a lungo dovete lasciarlo in un luogo areato, asciutto e buio.

Porro
Il porro ha un sapore molto simile a quello della cipolla (un po’ più dolce), per questo, in molte preparazioni è ad essa sostituibile. Può essere mangiato crudo (come condimento) o cotto, per esempio per fare una zuppa. E’ molto gustoso per la preparazione di torte salate o utilizzato come cartoccio, per avvolgere i cibi durante la cottura.

Come va pulito: Come per il cipollotto, bisogna eliminare la barbetta che si trova alla base del bulbo. Si utilizzerà solo la parte bianca inferiore (più tenera) del fusto che va divisa in due per la lunghezza, lavata e successivamente affettata.

Conservazione: per conservare il porro per lunghi periodi, vi consiglio di tagliare la parte più dura delle foglie verdi, lavateli e asciugateli e riponeteli in frigorifero avvolti in un canovaccio inumidito. In inverno, potete lasciarli anche sul balcone, ma in un contenitore o in un sacco nero, per evitare che vengano esposti alla luce e al freddo.

Scalogno
Lo scalogno è una via di mezzo tra cipolla e aglio: ha un sapore più delicato della cipolla, ma più aromatico, e meno acre rispetto all’aglio. Inoltre è più digeribile e non lascia quella “simpatica fiatella”;)
E’ molto utilizzato nelle preparazioni orientali e può essere consumato sia cotto che crudo.
A me piace molto crudo, nell’insalata! Ma è anche perfetto come base per i risotti, nelle salse o per aromatizzare olio e aceto.

Come va pulito: Come per la cipolla, và “sbucciato” della pellicina esterna e poi si taglia a seconda dell’esigenza.

Conservazione: Lo scalogno andrebbe conservato FUORI dal frigo, in un ambiente simile alla cantina o in una dispensa, perché ha bisogno di un luogo buio, fresco e asciutto.

Pollo Cipolloso

Oggi ricetta salata … eh si, perché non posso sempre pubblicare dolcetti!! Anche se mi piacerebbe molto ahahah … ormai l’avrete capito che la mia passione sono i dolci, ma purtroppo non si può vivere solo di quello:(

Quindi, vi propongo questo gustoso polletto con i cipollotti (da quando li ho scoperti non posso farne a meno) e delle patate alla paprika, molto sfiziose.

Semplice, veloce da fare, ma buonissimo … proprio come piace a me!

20131001-083749.jpg

POLLO CIPOLLOSO
(per 2 persone)

Cosa vi serve:
4-5 sovraccosce di pollo
2 cipollotti
1 cucchiaino di paprika piccante
3 patate medie
1 cucchiaio di erba cipollina tritata
circa mezzo litro di brodo (io uso quello granulare di carne)
sale e olio

Cosa dovete fare:
Tagliate a rondelle i cipollotti e metteteli a rosolare in una padella con dell’olio. Cuocetelo bene per qualche minuto. Aggiungete le sovraccosce, fatele rosolare leggermente e poi bagnatele con il brodo e continuate la cottura, continuando ad aggiungere poco alla volta il brodo finchè non sarà cotto.

Intanto preparate anche le patate. Pelatele e tagliatele a rondelle sottili. Fatele cuocere in una padella con l’olio e la paprika. Salate e terminate la cottura, rosolandole bene.

Quando il pollo sarà quasi cotto, aggiungete l’erba cipollina e fate restringere il brodo.