Mele e Sciroppo d’Acero

Buongiorno mondo!
Finalmente è tornato il sole anche qui al nord ma purtroppo mi tocca restare chiusa in casa con l’influenza:(
Approfitterò di questa reclusione per cucinare un pochino, cosa che non mi dispiace affatto!!
Per la colazione di domani vi propongo questo plumcake davvero semplice. L’avevo già preparato prima dell’estate con una ricetta trovata su internet ma il risultato non mi è piaciuto per niente. Quindi ho provato a rifarlo inventando un po’ e questa volta sono soddisfatta:)
L’ho preparato con lo sciroppo d’acero che mi ha portato mamma dagli Stati Uniti…è il secondo che ricevo nel giro di due anni…direi che il terzo andrò a prendermelo da sola in America!!!

IMG_5452.JPG

PLUMCAKE MELE E SCIROPPO D’ACERO

Cosa vi serve:
125 gr di yogurt (io ne ho usato uno della Vipiteno all’arancia e fiori di sambuco)
50 gr di olio di semi
75 gr di sciroppo d’acero
2 uova
220 gr di farina
1 bustina di lievito
60 gr di zucchero
2 mele Golden (grandi)

Cosa dovete fare:
Mescolate assieme gli ingredienti secchi: farina, lievito e zucchero. In un’altra ciotola mescolate quelli liquidi: lo yogurt, l’olio, le uova e lo sciroppo d’acero. Unite i due composti mescolando bene finché otterrete un impasto liscio e senza grumi.
Lavate e sbucciate le mele. La prima tagliatela a cubetti piccoli e aggiungetela all’impasto.
Rivestite lo stampo per Plumcake con la carta forno e versateci dentro l’impasto.
Tagliate la secondo mela a fettine sottili, ma non troppo! Adagiatele una dietro l’altra sull’impasto (come nella foto).
Informate nel forno preriscaldato a 180 gradi per 40 minuti.

Annunci

Facciamo fuori le ultime mele prima dell’arrivo della frutta buona:)

Ci siamo quasi, tra poche settimane il mio cesto della frutta non sarà più invaso da mele, arance e mandarini … ma fragole, nespole, ciliegie e poi sempre meglio con albicocche e pesche! Si perchè io e la frutta invernale non andiamo proprio d’accordo!!!

Così ecco una ricetta dolce per utilizzare le ultime mele (anche se poi si usano tutto l’anno!): un crumble di mele, arricchiti da croccanti nocciole.

20140410-124603.jpg

CRUMBLE DI MELE E NOCCIOLE

Cosa vi serve:
300 gr di farina 0 manitoba
100 gr di zucchero bianco
1 pizzico di sale
1 bustina di vanillina
1 bustina di lievito
100 gr di burro + 1 noce di burro
1 uovo
2 mele (io ho usato 1 mela golden e 1 granny smith)
50 gr di uvetta
50 gr di pinoli
50 gr di nocciole già sgusciate
1/2 limone
3 cucchiai di zucchero di canna

 

Cosa dovete fare:
Per la farcia:
Lavate e sbucciate le mele. Tagliatele a fettine piuttosto sottili. Fate sciogliere la noce di burro in una padella e aggiungete le mele e l’uvetta. Unite il succo del limone e i 3 cucchiai di zucchero di canna. Fate cuocere per qualche minuto, intanto che preparate il crumble.

Per il crumble:
Fondete il burro e lasciatelo intiepidire. Intanto mettete in una ciotola: farina, zucchero bianco, sale, lievito e vanillina.
Con le mani impastate creando delle briciole  e aggiungete il burro e l’uovo (quindi non dovrà essere compatto come una pasta frolla).

In un’altra padellina mettete a tostare i pinoli per pochi minuti (attenzione a non bruciarli!).
Dopo circa 5-8 minuti spegnete il fuoco delle mele e aggiungete i pinoli tostati.

Componete il vostro crumble: rivestite la base della tortiera (precedentemente imburrata e infarinata leggermente) con circa 2/3 delle briciole, schiacciondole bene con le mani o con un bicchiere. Versate le mele, distribuendole bene, e poi ricoprite con le briciole rimaste.
Tritate le nocciole grossolanamente con un coltello e distribuitele sopra il vostro crumble.

Fate cuocere nel forno preriscaldato a 180 °C per 35 minuti.

La mela “più bella del reame”!

Avete mai raccolto una mela dall’albero? Se la risposta è no, avrete la possibilità di farlo assieme ai contadini della Val di Non, patria delle mele. Il 12 e 13 ottobre si svolgerà la nona edizione di Pomaria, una vera … Continua a leggere

Sergio e la sua preziosa torta.

Quando lavoravo nello studio di Milano, era abitudine andare a bere il caffè, dopo pranzo, in un piccolo Bar, lì vicino. Avevamo un’ora e mezza di pausa, quindi, tutti i giorni, io e le mie colleghe (che sono diventate, poi, … Continua a leggere