Bucatini chiAmano Amatriciana

Oggi a pranzo un panino veloce … “e ora non ci vedo più dalla fame!!!”….ahahaha no non volevo dire questo…ma è il potere della pubblicità!!!
In realtà avrei voluto dire che al posto di questo panino avrei voluto divorare il piatto di Amatriciana che vi propongo oggi!!! È un piatto classico e la maggior parte di voi lo sapranno già fare!
Ma sapete quanti stranieri guardano il blog?? Tantissimi ogni giorno, da ogni parte del mondo!!!
Così, questa ricetta è anche per loro, per far scoprire le delizie italiane, la goduria del bucatino all’Amatriciana!!!!
Buon week end mondo;)

20140509-080748.jpg

BUCATINI ALL’AMATRICIANA
(Per 2 persone)

Cosa vi serve:
200 gr di bucatini
150 gr di guanciale
25 ml di vino bianco
200 gr circa di pomodorini
Sale, olio, peperoncino
Pecorino grattugiato

Cosa dovete fare:
Tagliate a listarelle il guanciale e mettetelo a cuocere in una padella con un filo di olio. Aggiungete il peperoncino e appena il guanciale sarà cotto (la parte grassa diventerà trasparente) sfumate con il vino bianco. Fatelo evaporare bene e poi mettete da parte il guanciale.
Intanto nella pentola dove bolle l’acqua per la pasta fate scottare per un minuti i pomodorini. Toglieteli dall’acqua e metteteli in acqua fredda. Togliete la pelle, tagliateli a pezzetti e metteteli a cuocere nella padella dove c’era il guanciale, nello stesso sughetto.
Nel frattempo mettete a cuocere anche i bucatini.
Salate (poco, perché il guanciale è saporito) il sugo di pomodoro e verso fine cottura aggiungete il guanciale.
Quando anche la pasta sarà cotta versatela nella padella con il sugo è fate cuocere assieme per qualche secondo.
Servite con il pecorino grattugiato.

Annunci

Spaghetti veloci e profumati

Buongiorno!

Oggi un primo veloce e profumatissimo. Si tratta degli spaghetti con le erbe aromatiche e formaggio. Con pochissimi passaggi avrete una pasta molto buona e il profumo che sprigionano le erbe è delizioso!

20131212-131916.jpg

SPAGHETTI ALLE ERBE AROMATICHE
(per 2 persone)

Cosa vi serve:
200 gr di spaghetti
basilico, salvia, rosmarino e timo q.b.
circa 60 gr di Philadelphia
olio, sale e pepe

Cosa dovete fare:
Mettete a cuocere la pasta in acqua bollente e salata.
Intanto, lavate e tritate molto finemente le erbe aromatiche.
In una padella versate dell’olio e fatelo scaldare. Aggiungete il trito di erbe.
Dopo qualche secondo unite anche il Philadelphia e 2- 3 mestoli di acqua di cottura.

Amalgamate bene tutto e quando la pasta sarà cotta, fatela mantecare per qualche minuto con il sughetto.

Pasta & Fagioli

Buongiorno mondo! Oggi vi lascio una ricetta che volevo fare da un po’ di tempo. Esattamente da quando al supermercato ho trovato la pasta della Garofalo Mista! Si tratta della Pasta con i Fagioli. Quella originale napoletana, una volta, si … Continua a leggere

4 ricette x 1 piatto: parte 4a

Ed eccoci finalmente alla fine della ricetta!! Ormai abbiamo tutti i pezzi del puzzle e possiamo comporlo …

Siamo pronti ad assemblare la nostra lasagna:)

Io vi consiglio di prepararla il giorno prima. Perché, secondo me, se la lasciate riposare per una notte i sapori si amalgamano bene e il giorno dopo risulterà più compatta e gustosa!

Eccola qui, pronta da gustare … taaaadaaaaaaaaaaaaaa

20130918-215544.jpg

LASAGNE ALLA BOLOGNESE
(Per 6 persone)

Cosa vi serve:
Lasagne fresche circa 400 gr
(per la ricetta clicca qui)
Ragù alla bolognese 500 gr
(per la ricetta clicca qui)
Besciamella circa 500 ml
(per la ricetta clicca qui) ma aggiungete 50 ml di latte per renderla un po’ più liquida.
Parmigiano reggiano grattugiato 100 gr

Cosa dovete fare:
Lessate le lasagne una alla volta, in acqua salata bollente, per circa 1 minuto. Scolatele e fatele asciugare su un canovaccio pulito.
Componiamo la lasagna. Imburrate leggermente il fondo di una teglia e versateci un paio di cucchiai di besciamella. Iniziate con il primo strato di lasagne, aggiungete il ragù, la besciamella e il formaggio. Ripartite con le lasagne e ripete l’operazione fino a terminare li ingredienti. Finendo con una manciata generosa di formaggio grattugiato.
Infornate a 200 gradi, coperta con la stagnola, per circa 35-40 minuti. Scoprite e fate cuocere per altri 10 minuti con il grill.

Secondo me è ancora più buona il giorno dopo:)

4 ricette x 1 piatto: parte 3a

Siamo a metà settimana! Ormai qui a Milano sta cambiando il tempo e l’estate pian piano ci sorride da lontano …

Però c’è di buono che si può riaccendere il forno e poi, uscendo meno, ho più tempo per preparare tutte le mie ricettine:)

Così, ho rimesso “le mani in pasta” per fare la 3a ricetta che comporrà il nostro piatto!

E con questa, vi svelo finalmente cosa sarà il piatto finale … anche se forse ormai ci eravate arrivati da soli, no?

Faremo le lasagne!! Ma prima di comporle, con la ricetta di domani, oggi prepareremo la pasta.

In questo modo, potrete decidere voi la dimensione delle lasagne, a seconda della grandezza della vostra teglia … senza contare il fatto che, come sempre, saranno più buone!

Pronti ad impastare?

20130918-081126.jpg

PASTA PER LASAGNE
(Per 6 abbondanti – 8 fogli)

Cosa vi serve:
150 gr farina 00
100 gr di farina di grano duro
3 uova

Cosa dovete fare:
Mescolate le due farine e versatele su una spianatoia, formando la classica fontana. Rompete al centro le uova.
Impastate tutto fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo.
Stendete la pasta con la macchinetta o con il mattarello. Dovrà risultare abbastanza sottile (io con la macchinetta sono arrivata al 5o foro, il penultimo). Ricavate dei rettangoli (circa 7 x 12 cm).
Infarinate continuamente la pasta, mentre la stendere.
Lasciate asciugare le vostre lasagne sulla spianatoia infarinata, prima di cuocerle in acqua bollente salata.

4 ricette x 1 piatto: parte 1a

Buongiorno!
Oggi voglio incuriosirvi un po’!
Vi propongo una settimana diversa dal solito: prepareremo assieme un piatto e ogni giorno vi darò un pezzetto della ricetta… come se fosse un puzzle! Perché per preparare questo piatto servono varie cose: potete decidere di prendere tutto già pronto e assemblarlo…oppure fare tutto con le vostre mani. Ovviamente a me piace fare tutto nella mia cucina:)
E per farlo, partiamo con la prima ricetta: il ragù alla bolognese!!

Allora, secondo voi…cosa prepareremo alla fine?!

20130915-193422.jpg

RAGÙ ALLA BOLOGNESE
(Per 6 persone)

Cosa vi serve:
50 gr di burro
1 bicchiere di vino rosso
Circa 300 ml di brodo di carne
1 cipolla media
1 gambo di sedano
1 carota
500 gr di carne trita mista
100 gr di pancetta dolce
1 bicchiere di latte
30 gr di concentrato pomodoro
3 cucchiai di olio d’oliva
Sale e pepe q.b

Cosa dovete fare:
Lavate e pelate la carota, tagliate le due estremità. Con un pelapatate togliete i filamenti esterni del sedano e lavatelo.
Tritate finemente la carota, il sedano e la cipolla.
In un tegame fate sciogliere il burro con l’olio e aggiungete il trito di verdure. Lasciate imbiondire per qualche minuto, continuando a mescolare.
Intanto, tritate la pancetta e unitela alla carne. Versate tutto nella pentola con il soffritto. Lasciate rosolare bene per qualche minuto, mescolando.
Aggiungete il vino rosso, fatelo sfumare e aggiustate di sale (poco) e pepe.
Unite un paio di mestoli di brodo e successivamente il pomodoro sciolto in poco brodo.
Fate cuocere per circa 1 ora (con coperchio, a fuoco lento!), aggiungendo pian piano il brodo e mescolando ogni tanto.
Verso fine cottura aggiungete il latte.
A piacere potete aromatizzare con una foglia di alloro o rosmarino.

Ricetta presa da Giallo Zafferano.

BACK TO HOME

E così dopo più di un mese … la Cucina della Gina finalmente riapre:)
Mi è mancato non scrivervi più!!

Come sono andate le vostre vacanze? Vi siete riposati? Pronti a ricominciare??

Le mie vacanze sono andate super bene!! Il Viaggio in Thailandia è stato meraviglioso. Immaginavo che mi sarebbe piaciuto, ma non pensavo di tornare così entusiasta del Sud Asia in generale.

Di certo non è stata una vacanza rilassante, ma quando ti trovi in posti così non puoi di certo stare in spiaggia a “poltrire”. La prima settimana di tour è sembrata infinita. Ci siamo spostati quasi ogni giorno ed eravamo bombardati di cose da cose da vedere, un mondo nuovo da scoprire, una cultura lontana anni luce dalla nostra, abitudini diverse, profumi di ogni genere, colori della natura e una cucina tutta da provare. Insomma, siamo tornati arricchiti … e questo è il bello di un Viaggio, no?

Poi è arrivato il momento di fermarsi per qualche giorno al mare, su un’isola. E ti rendi conto improvvisamente di come il turismo di massa possa cambiare anche gli abitanti del luogo. Durante il percorso verso il Nord (fino al confine con la ex Birmania) abbiamo incontrato persone meravigliose, disponibili, allegre e sempre pronte a darti una mano. Lì ho capito fino in fondo perché lo chiamano il Popolo del Sorriso.
Al mare, invece, dove sono abituati ad avere a che fare con molti turisti, i rapporti erano più sbrigativi, della serie SeNonCiSeiTu:C’èIlProssimo! Ma a parte questo, anche il mare ci è piaciuto molto.

L’ultima parte del viaggio l’abbiamo dedicata alla visita di Bangkok. Una città davvero incredibile: o la odi o la ami. Non può lasciarti indifferente. L’impatto è quasi sconvolgente, è la città più rumorosa dove io sia mai stata! Nel quartiere di China Town mi sono resa conto che per parlare dovevo gridare o_O
E’ piena di mercati, cibi di strada, templi e Buddha, taxi e motorini che sfrecciano da ogni parte, canali navigabili e minuscole stradine dove è facile perdersi, ma è impossibile non addentrarsi e scoprire improvvisamente cose nuove ed inaspettate!
Beh … io la amo!

Nei prossimi giorni vi racconterò le mie impressioni sul cibo thailandese.
Per ora vi dico solo che ho assaggiato delle specialità molto molto buone … però tornando a Casa non desideravo altro che il nostro ottimo cibo italiano!!!

Così per ricominciare, mi sono fatta un semplice, ma sempre buon Piatto di Pasta con il Pomodoro fresco!
E, ovviamente, lo voglio condividere con voi!

20130907-111604.jpg

MEZZE MANICHE CON POMODORINO FRESCO
(per 2 persone)

Cosa vi serve:
200 gr di pasta (mezze maniche)
Circa 25/30 pomodorini datterini
2 spicchi di aglio
Olio, sale, pepe q.b.
5-6 foglie di basilico fresco
Poco concentrato di pomodoro
Formaggio grattugiato q.b.

Cosa dovete fare:
Lavate i pomodorini. Mettete una pentola piena d’acqua salata sul fuoco. Appena bolle buttateci dentro i pomodorini, per poter togliere la pelle. Dopo 1 minuto tirateli fuori con una schiumarola e appena si saranno raffreddati, con l’aiuto di un coltellino, eliminate la pelle. Non buttate l’acqua perché successivamente ci farete cuocere la pasta.
Intanto, in una padella mettete dell’olio (esagerate anche un pochino…) e fate soffriggere l’aglio. Quando si sarà ben rosolato toglietelo e mettete i pomodorini. Salate e coprite con un coperchio per farli ben ammorbidire. Dopo qualche minuto, con l’aiuto di una forchetta, schiacciate i pomodorini per formare il sughetto. A piacere potete aggiungere una punta di concentrato di pomodoro. Verso fine cottura spezzettate nel sugo delle foglie di basilico e, a piacere, pepate.
Quando il sugo sarà a metà cottura, buttate la pasta nella pentola dell’acqua e fate cuocere.
Scolate la pasta e fatela saltare qualche secondo nel sugo.

Servite con formaggio grattugiato!

Gorgonzola, noci e … cioccolato!

Una sera, per una cena un po’ speciale, ho deciso di fare la pasta al cacao. Mi ha sempre incuriosito il sapore che il cacao potesse dare alla pasta. Così ho fatto dei tortelli ripieni di gorgonzola e li ho conditi in modo classico, burro e salvia, con l’aggiunta di noci.

Vi devo dire che il cacao è molto delicato, quindi, più che dare sapore, dona un colore alla pasta molto bello e con poco potrete stupire i vostri ospiti! E poi l’abbinamento gorgonzola e noci è sempre una garanzia;)

20130725-103054.jpg

TORTELLI AL CACAO CON GORGONZOLA E NOCI
(per 4 persone)

Cosa vi serve:
300 gr di farina 00
30 gr di cacao amaro
3 uova intere
250 gr di gorgonzola dolce
Circa 80 gr di noci tritate
2-3 foglie di salvia
Circa 30 gr di burro
1 spicchio d’aglio
q.b. di olio, sale e pepe
q.b. di parmigiano reggiano grattugiato

Cosa dovete fare:
Per prima cosa preparate i tortelli. Mescolate assieme la farina e il cacao e trasferiteli su una spianatoia con la classica forma a fontana. Al centro rompete le uova e iniziate a sbatterle con una forchetta, inglobando poco per volta la farina attorno. Continuate ad impastare con le mani, fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. Stendete la pasta non troppo sottile, utilizzando un mattarello o l’apposita macchinetta. Ricavate delle strisce lunghe di pasta, larghe circa 8 cm (che poi andranno piegate a metà e tagliate per ricavare i tortelli di dimensione circa 4×4 cm). A circa mezzo centimetro dal bordo mettete un cucchiaio abbondante di gorgonzola e procedete così per tutta la striscia di pasta, lasciando lo spazio per poterli chiudere e tagliare. Ripiegate a metà (per il lungo) la pasta e con le mani premete bene i bordi per far uscire l’aria attorno al ripieno. Con una rotella dentellata ritagliate i 3 bordi dei tortelli.

Mentre fate queste operazioni, la pasta rimanente tenetela sotto una ciotola o un piatto che avrete precedentemente bagnato con acqua, così da tenerla umida e non farla seccare.

Formate tutti i tortelli fino ad esaurire la pasta.

Mettete sul fuoco una pentola piena d’acqua, salate e appena arriverà a bollore versateci i tortelli.

In un pentolino fate sciogliere il burro con un goccio d’olio, aggiungete l’aglio schiacciato e fate rosolare bene l’aglio. Quando sarà ben abbrustolito, toglietelo e mettete la salvia a pezzetti.

Quando i tortelli saranno cotti, scolateli (non troppo, così l’acqua di cottura aiuterà ad amalgamare bene tutto) e versateli nella padella con il burro. Fate saltare per qualche minuto e aggiungete le noci tritate e una manciata di parmigiano.

Ricordo di Sicilia

 

La scorsa estate sono andata per la prima volta in Sicilia. Chi ci è stato sa che è impossibile non innamorarsi di quest’isola, dei suoi colori, del mare, dei paesini …. e del cibo ovviamente!

Ho passato 10 giorni davvero indimenticabili.

Tra i vari acquisti avevo comprato 1 kg di busiate (un particolare formato di pasta), con l’intento di condirle con il pesto alla trapanese. Così, finalmente, a distanza di 1 anno, sono riuscita a prepararlo!

Vi lascio, quindi, il mio “ricordo di Sicilia”… che ovviamente non sarà l’unico!

20130723-124844.jpg

20130723-124911.jpg

BUSIATE CON PESTO ALLA TRAPANESE
(per 4 persone)

Cosa vi serve:400 gr di busiate
50 gr di basilico
250 gr di pomodorini maturi, tipo datterino
2 cucchiai di pecorino grattuggiato
1 spicchio d’aglio
50 gr di mandorle pelate o pinoli
Olio, sale, pepe nero q.b.

Cosa dovete fare:Per prima cosa preparate il pesto. Riempite una pentola d’acqua (quella dove poi farete cuocere la pasta) e appena bolle, buttateci dentro i pomodorini. Fateli sbollentare per circa 1 minuto. Scolateli e spellateli.
Teneteli da parte in una ciotola, così faranno l’acqua che successivamente andrà buttata.

Preparate la pasta e cuocetela nell’acqua bollente.

In un mixer aggiungete il basilico (lavato ed asciugato), i pomodorini (scolati dall’acqua), le mandorle (o i pinoli), lo spicchio d’aglio, un cucchiaio d’olio e frullate per qualche minuto.
Una volta ottenuto un composto omogeneo aggiungete anche il pecorino.
Trasferite tutto in una ciotola e condite con sale e pepe (ed eventualmente ancora poco olio).

Scolate la pasta e amalgamatela con il pesto e un mestolo di acqua di cottura.

Quando la feta incontra la zucchina…

Buongiorno mondo!!
Oggi tanta fatica per alzarsi…una di quelle giornate in cui ti gireresti dall’altra parte e nonsvegliatemifinoamezzogiorno!
Voglia di mare…voi siete già in vacanza?
Intanto che aspetto le mie ferie, mi diverto in cucina!
Oggi una pasta inventata al momento: zucchine, fiori e feta! Un connubio perfetto!

20130709-075158.jpg

Cosa vi serve:
400 gr di pasta
4 zucchine medie
Circa 10-15 fiori di zucca
200 gr di feta
2 spicchi di aglio
Olio, sale, pepe q.b.

Cosa dovete fare:
Mettete a bollire dell’acqua salata e versateci la pasta.
Intanto, lavate le zucchine e i fiori di zucca. Tagliate le zucchine a rondelle e i fiori a metà.
In una padella fate rosolare l’aglio nell’olio e aggiungete le zucchine.
Salate e pepate. Quando saranno quasi cotte aggiungete i fiori di zucca.
Scolate la pasta e mettela nella padella a saltare e unite anche la feta tagliata a cubetti. Aspettate che si sciolga e servite!