Il Pangasio

Buongiorno mondo!
Oggi voglio condividere con voi la scoperta di un tipo di pesce che non avevo mai assaggiato: il Pangasio.
Si tratta di un pesce di acqua dolce che purtroppo non gode di un’ottima fama. Anzi, molti di voi forse staranno storcendo il naso in questo momento …. Purtroppo anni fa era stato al centro di notizie, che poi si sono rivelate infondate. Molti infatti pensavano che si trattasse di filetti di un pesce di qualità mediocre, provenienti dalle acque inquinate del fiume Mekong, in Vietnam.
Il pangasio cresce, invece, in grandi allevamenti industriali sottoposti a continui controlli. Quindi si può mangiare senza problemi ed è buonissimo!
Anzi, grazie al suo sapore delicato è molto apprezzato anche dai bambini.
Io l’ho comprato da Sapore di Mare, anche questo, un’altra fantastica scoperta! E’ un supermercato del pesce congelato, dove si può comperare il pesce già pulito e congelato a pezzi singoli e per questo è molto comodo. Così finalmente, oltre ad avere le scorte di carne in congelatore, posso avere il frizer pieno di pesce, pronto da scongelare e cucinare in poco tempo.
Noi l’abbiamo preparato così …

20140613-123416-45256219.jpg

PANGASIO CON IN POMODORINI
(per due persone)

Cosa vi serve:
2 filetti di Pangasio già puliti
Circa 15 pomodorini
Timo e aneto
Pan grattato
Sale, olio, pepe

Cosa dovete fare:
Tagliate i filetti di pangasio in piccoli tranci e passateli nel pangrattato. Lavate e dividete a metà i pomodorini.
Scaldate un po’ di olio nella padella e adagiate i filetti di pangasio e i pomodorini tenendo la pelle verso l’alto. Cospargete con timo, aneto, sale e un po’ di pepe (se vi piace!). I pomodorini potete tenerli così per tutta la cottura del pangasio, controllando ogni tanto che non si brucino … I filetti di pangasio, invece, girateli, a metà cottura. Ci vorranno circa 15 minuti per cuocere tutto.

 

Estate … tempo di insalate e cibi freschi!

E’ tempo di insalate!
Fa caldo e la voglia di mangiare cibi cotti, almeno per me, è sempre meno…
Oggi quindi vi propongo una insalata veloce da fare e che potrete anche portarvi come “schiscetta” a lavoro!!

Ecco a voi:)

Processed with Moldiv

INSALATA DI FARRO
(per due persone)

Cosa vi serve:
150 gr di farro (io uso quello in latta, già cotto!)
circa 15 pomodorini
1 cipollotto
circa 200 gr di tonno in scatola sott’olio
5-6 foglie di basilico
sale e olio

Cosa dovete fare:
Mettete in una ciotola il farro e il tonno precedentemente ben sgocciolato e mescolate.
Lavate e tagliate i pomodorini. Tagliate a rondelle sottili il cipollotto e unitelo al farro.
Prelevate 2-3 pomodorini e tritateli finemente con il coltello assieme alle foglie di basilico (dovrete quasi ridurlo in poltiglia).
Aggiungete tutto al farro e mescolate bene.
Condite con sale e olio.
Già pronto!

BACK TO HOME

E così dopo più di un mese … la Cucina della Gina finalmente riapre:)
Mi è mancato non scrivervi più!!

Come sono andate le vostre vacanze? Vi siete riposati? Pronti a ricominciare??

Le mie vacanze sono andate super bene!! Il Viaggio in Thailandia è stato meraviglioso. Immaginavo che mi sarebbe piaciuto, ma non pensavo di tornare così entusiasta del Sud Asia in generale.

Di certo non è stata una vacanza rilassante, ma quando ti trovi in posti così non puoi di certo stare in spiaggia a “poltrire”. La prima settimana di tour è sembrata infinita. Ci siamo spostati quasi ogni giorno ed eravamo bombardati di cose da cose da vedere, un mondo nuovo da scoprire, una cultura lontana anni luce dalla nostra, abitudini diverse, profumi di ogni genere, colori della natura e una cucina tutta da provare. Insomma, siamo tornati arricchiti … e questo è il bello di un Viaggio, no?

Poi è arrivato il momento di fermarsi per qualche giorno al mare, su un’isola. E ti rendi conto improvvisamente di come il turismo di massa possa cambiare anche gli abitanti del luogo. Durante il percorso verso il Nord (fino al confine con la ex Birmania) abbiamo incontrato persone meravigliose, disponibili, allegre e sempre pronte a darti una mano. Lì ho capito fino in fondo perché lo chiamano il Popolo del Sorriso.
Al mare, invece, dove sono abituati ad avere a che fare con molti turisti, i rapporti erano più sbrigativi, della serie SeNonCiSeiTu:C’èIlProssimo! Ma a parte questo, anche il mare ci è piaciuto molto.

L’ultima parte del viaggio l’abbiamo dedicata alla visita di Bangkok. Una città davvero incredibile: o la odi o la ami. Non può lasciarti indifferente. L’impatto è quasi sconvolgente, è la città più rumorosa dove io sia mai stata! Nel quartiere di China Town mi sono resa conto che per parlare dovevo gridare o_O
E’ piena di mercati, cibi di strada, templi e Buddha, taxi e motorini che sfrecciano da ogni parte, canali navigabili e minuscole stradine dove è facile perdersi, ma è impossibile non addentrarsi e scoprire improvvisamente cose nuove ed inaspettate!
Beh … io la amo!

Nei prossimi giorni vi racconterò le mie impressioni sul cibo thailandese.
Per ora vi dico solo che ho assaggiato delle specialità molto molto buone … però tornando a Casa non desideravo altro che il nostro ottimo cibo italiano!!!

Così per ricominciare, mi sono fatta un semplice, ma sempre buon Piatto di Pasta con il Pomodoro fresco!
E, ovviamente, lo voglio condividere con voi!

20130907-111604.jpg

MEZZE MANICHE CON POMODORINO FRESCO
(per 2 persone)

Cosa vi serve:
200 gr di pasta (mezze maniche)
Circa 25/30 pomodorini datterini
2 spicchi di aglio
Olio, sale, pepe q.b.
5-6 foglie di basilico fresco
Poco concentrato di pomodoro
Formaggio grattugiato q.b.

Cosa dovete fare:
Lavate i pomodorini. Mettete una pentola piena d’acqua salata sul fuoco. Appena bolle buttateci dentro i pomodorini, per poter togliere la pelle. Dopo 1 minuto tirateli fuori con una schiumarola e appena si saranno raffreddati, con l’aiuto di un coltellino, eliminate la pelle. Non buttate l’acqua perché successivamente ci farete cuocere la pasta.
Intanto, in una padella mettete dell’olio (esagerate anche un pochino…) e fate soffriggere l’aglio. Quando si sarà ben rosolato toglietelo e mettete i pomodorini. Salate e coprite con un coperchio per farli ben ammorbidire. Dopo qualche minuto, con l’aiuto di una forchetta, schiacciate i pomodorini per formare il sughetto. A piacere potete aggiungere una punta di concentrato di pomodoro. Verso fine cottura spezzettate nel sugo delle foglie di basilico e, a piacere, pepate.
Quando il sugo sarà a metà cottura, buttate la pasta nella pentola dell’acqua e fate cuocere.
Scolate la pasta e fatela saltare qualche secondo nel sugo.

Servite con formaggio grattugiato!